“Il mondo nasce per ognun che nasce al mondo”

Premiati 2009

CATEGORIA “MIGLIOR IMPRENDITORE”

Libro “Barriere architettoniche e barriere sensoriali” di Emanuela Zecchini e Consuelo Agnesi

Nel CD allegato al libro sono stati inseriti i formati accessibili per vari tipi di disabilità:
o soggetti con difficoltà agli arti superiori (tetraplegici)
o dislessici
o ipovedenti
o ciechi (sono stati inseriti vari formati leggibili col computer e l’audiolibro)
o sordi segnanti (c’è un video in LIS sottotitolato)

Emanuela Zecchini e Consuelo Agnesi si sono conosciute nel 2006 all’Università di Camerino. La prima era tutor specializzata degli studenti disabili Unicam, la seconda una laureanda in Architettura della stessa Università. Dopo la laurea di Consuelo, entrambe hanno condiviso, ovviamente con ruoli diversi, il Progetto Leonardo in Spagna. A seguito di questo progetto, hanno organizzato per la Provincia di Macerata “Progettiamo ABILmente”, un corso di perfezionamento sull’abbattimento delle barriere architettoniche per tecnici progettisti.
Entrambe, accomunate dall’impatto con l’handicap, trasformato per necessità in risorsa, cercano da una parte di tutelare chi non è consapevole dei propri diritti e delle proprie potenzialità, dall’altra di spronare chi, per ignoranza, nega ai disabili gli stessi diritti.
Questa pubblicazione è frutto della fusione di due ricerche diverse, ma con un filo conduttore comune: il concetto che l’abbattimento delle barriere riguarda tutta l’utenza ampliata, non solo le persone disabili, distinte per tipo di disabilità. Sarebbe discriminatorio, infatti, progettare per determinate categorie di soggetti, escludendone altre. Per cui una progettazione di qualità significa integrare tutti i cittadini di un Paese che si definisce civile, senza creare ostacoli per gli altri.   
“Barriere architettoniche e sensoriali” è suddivisa in due parti: la prima è la ricerca “V.V.V.: Vado, Vedo Valuto”; la seconda, il lavoro “Ascoltare con gli occhi. Progettare per una barriera invisibile: i non udenti”.
“V.V.V.: Vado, Vedo Valuto”, è una ricerca realizzata da Emanuela Zecchini nel 2005 coi Fondi FSE della Provincia di Macerata, con l’obiettivo di valutare concretamente lo stato di applicazione della normativa sull’abbattimento delle barriere architettoniche negli edifici pubblici e di uso e utilità pubblica, presenti su tutto il territorio della Provincia di Macerata.
“Ascoltare con gli occhi. Progettare per una barriera invisibile: i non udenti” è un lavoro svolto nel 2007 da Consuelo Agnesi, per tenere le lezioni al corso Progettiamo ABILmente; successivamente tale ricerca è stata approfondita e tuttora continua, anche grazie alla partecipazione a corsi specifici, proprio per far emergere l’invisibilità delle barriere per i sordi e le relative soluzioni ai loro problemi.
I due progetti forniscono una panoramica generale sulle barriere, sia da un punto di vista normativo, sia dal punto di vista dell’utenza e soluzioni progettuali per l'eliminazione di tutte le barriere. Proposte progettuali che vanno considerate e realizzate. Emanuela e Consuelo si stanno attivando per realizzare nuovi corsi di perfezionamento per tecnici di ogni settore per sensibilizzare e sperare in una svolta concreta in materia.

CATEGORIA “MIGLIOR ASSOCIAZIONE”

Village for All: promozione della attività turistica e sportiva per tutti

Una offerta turistica moderna è oggi una offerta turistica attenta ai bisogni di tutti, famiglie con bambini piccoli, anziani, disabili, persone che vogliono consumare una vacanza etica, insomma un turismo accessibile. Un turismo per tutti.
L’innovazione che sottende il lavoro di Village For All è rappresentata da un passaggio culturale che potremo riassumere come: “Passare dalle disabilità ai bisogni”. I bisogni, in quanto tali, non sono legati alle disabilità, ed ai relativi stereotipi: le esigenze di una persona obesa, di una persona in gravidanza o di una persona anziana con difficoltà di deambulazione sono simili; le famiglie con bambini piccoli che devono usare il passeggino non hanno una disabilità ma hanno esigenze simili alle persone in carrozzina. Non dimentichiamo poi chi deve rispettare una dieta o ha intolleranze alimentari, fino alle difficoltà più complesse come quelle sensoriali o di comunicazione, quali cecità, ipovisione, sordità o ipoacusia
Credono e patrocinano il progetto Village for All:
Faita – Federcamping – Federazione delle Associazioni Italiane dei Complessi turistici all’aria aperta
FISH – Federazione Italiana Superamento Handicap
SiPuò – Laboratorio Nazionale Turismo Accessibile
Village for All garantisce una informazione attenta, affidabile, precisa che sappia mettere le persone con disabilità, o bisogni speciali, in grado di scegliere la propria vacanza nel villaggio che saprà soddisfare meglio le proprie esigenze, rispettando prima di tutto i loro gusti e le loro aspirazioni.
Tutte le strutture affiliate al network garantiscono un modello di accoglienza condiviso, indipendentemente dalle “Stelle” di categoria, cosicché l’attenzione ai bisogni dei clienti sarà la stessa.
Promuove una cultura innovativa del turismo, attenta ai bisogni che presentano oggi i turisti, anche quelli non evidenti, o che si danno per scontati, quali ad esempio le esigenze di famiglie con bambini piccoli, di persone anziane, di persone con allergie/intolleranze alimentari.
Tutti i villaggi e campeggi ricevono la visita di esperti che raccolgono dati oggettivi (misure, larghezze, dotazione dei servizi) secondo una metodologia consolidata e riconosciuta dalle associazioni di categoria. Tutto il personale del villaggio (management, booking, reception,housekeeping, manutenzione, ristoranti, eccetera), viene formato sui temi fondamentali riguardanti l’accoglienza, l’ospitalità, comportamenti corretti da tenere con la  clientela, perché sono loro, i clienti, i protagonisti della loro vacanza.


CATEGORIA “MIGLIOR ENTE PUBBLICO"

 “Road  Map del Turismo Accessibile” promosso da Regione Puglia- assessorato alla solidarietà politiche sociali, flussi migratori e assessorato al turismo e industria alberghiera


Il progetto si colloca in un’azione di più ampio respiro che mira ad allineare la Puglia alle grandi realtà del nord Europa per l’abbattimento delle barriere architettoniche e la promozione del turismo per tutti. Le principali azioni sono: rilevazione dell’accessibilità (questionario e autocertificazione); classificazione delle strutture in base al livello di accessibilità; accreditamento; informazione, sensibilizzazione e promozione del turismo accessibile. In particolare l’indagine ha avuto lo scopo di conoscere e costruire una mappa di tutte le strutture ricettive, gli stabilimenti balneari, le strutture ricettive, della ristorazione, i siti museali, archeologici e naturalistici.


CATEGORIA “MIGLIOR ARTICOLO - REPORTAGE”

    
Ufficio stampa Patasarriba 2009

Soggetto Promotore: Anpis (associazione nazionale polisportive per l'integrazione sociale)
'PatasArriba 25-29 nov è  un progetto di collaborazione fra l' Italia e l'Argentina (dove è nato un grande movimento per la riforma della psichiatria e la chiusura dei manicomi), che ha avuto inizio con il viaggio a Buenos Aires svoltosi dal 25 al 29 novembre 2008. Attraverso la stesura di articoli giornalistici e comunicati stampa, la giornalista Ilaria Traditi ha veicolato l'evento in Italia e in Argentina dandogli visibilità e coinvolgendo i media nelle diverse attività messe in campo. E' stato creato anche un blog dove quotidianamente sono stati inseriti articoli e foto per rendere partecipe di questa straordinaria avventura il maggior numero possibile di persone.

joomla wellnessLorem Ipsum has been the industry's standard dummy text ever since the 1500s...