“Il mondo nasce per ognun che nasce al mondo”

Sintesi Progetto

SensoriABILIS è frutto di un’idea di Confindustria Ancona, la principale associazione di rappresentanza appartenente al Sistema Confindustria nella regione Marche. Partito con lo scopo di sensibilizzare le struttura turistiche verso nuove forme di turismo, evidenziandole come risorse da valorizzare e integrare all’offerta del territorio, è diventato negli anni un progetto dedicato non solo ai diversamente abili ma a tutti, dato che tutti hanno diritto a vivere un territorio senza barriere culturali e fisiche. L’Accessibilità è la parola d’ordine: un territorio accessibile è il risultato di un insieme di servizi e strutture in grado di permettere a tutte le persone la fruizione dello stesso senza ostacoli e difficoltà, che può essere vissuto e partecipato completamente da imprese, cittadini, turisti. Un territorio accogliente per tutti, e dove tutti possono contribuire al suo sviluppo, garantendo nel complesso una migliore qualità del vivere. All’interno di SensoriABILIS, il tema dell’Accessibilità si è sviluppato quindi non restringendolo al solo rapporto con la disabilità, ma trattandolo in un’accezione più estesa, facendovi rientrare più ampi aspetti, come strumento essenziale per un approccio sociale, politico e amministrativo del territorio. Mantiene comunque sempre alta una particolare attenzione su quanto offre il panorama tecnico-scientifico, sempre in forte evoluzione, sulle tematiche che riguardano l’assistenza ai malati, ai disabili, agli anziani. Per Sensoriabilis, Confindustria Ancona ha collaborato con Regione Marche, Provincia di Ancona, Camera di Commercio di Ancona, con i Comuni di Senigallia, Fabriano e Loreto, dove si sono tenute le varie edizioni, con il Sistema Turistico Locale Marca Anconetana, e con le numerose organizzazioni rappresentanti il volontariato e la disabilità a livello nazionale e locale. L’inizaitva è stata sostenuta anche dalle stesse aziende iscritte all’Associazione.
L’obiettivo del progetto è creare una forte sinergia tra il territorio, le persone che in esso vivono ed operano e le possibilità che offrono le nuove tecnologie ed in particolare:
• favorire lo sviluppo della cultura dell’accoglienza da parte di tutti;
• sviluppare un osservatorio sulle best practice nazionali e internazionali sul tema dell’accessibilità territoriale;
• formare e sensibilizzare gli operatori coinvolti nelle varie fasi in cui si sviluppa il progetto al fine di garantire un potenziamento delle conoscenze rivolte ad un “utenza ampliata”, includendo in essa sì la disabilità e la terza età, ma che diviene capacità di rispondere alle esigenze di tutti;
Più nello specifico:
• contribuire ad una sempre più attenta gestione efficace dei presidi sanitari ed ad una consapevole attenzione alla prevenzione;
• individuare esperienze sull’utilizzo razionale  degli spazi, sul superamento delle  barriere fisiche psicologiche e culturali e sull’integrazione  con le tecnologie informatiche più  innovative
• Spingere ad un confronto con il mondo della scuola, sfruttando anche lo sport come momento positivo d’incontro con il mondo della disabilità, proponendo iniziative che sappiano far emergere nel suo complesso la condizione del mondo giovanile di oggi
Con questa iniziativa si vuole quindi offrire un’occasione di qualificazione  verso un territorio  sempre più accessibile, disponibile ed aperto all’accoglienza, permettendo a tutti di poter sfruttare al meglio gli spazi urbani e non, abbattendo barriere tecnologiche e sociali. Cultura, ospitalità, organizzazione e  tecnologia integrate in modo organico divengono i presupposti per un territorio con una migliore qualità della vita e modelli del vivere più armonici.

joomla wellnessLorem Ipsum has been the industry's standard dummy text ever since the 1500s...